Scuola, Azzolina manda i commissari a Milano: Bussetti non ha nominato i supplenti

Una task force per nominare d’ufficio i supplenti. Troppi ritardi con le graduatorie, la ministra contro il suo predecessore che ora è a capo dell’ufficio scolastico nel capoluogo lombardo

Si tratta di un commissariamento vero e proprio dell’ufficio scolastico guidato dal predecessore della ministra Lucia Azzolina, il leghista Marco Bussetti, quello deciso dal Ministero. Da venerdì scorso una task force composta da Amanda Ferrario, collaboratrice stretta dell’ex ministro, Mariastella Fortunato, preside a Pescara, e Antonella Iunti di Perugia hanno analizzato le graduatorie per le scuole di Milano provvedendo a inviare seicento nomine ad altrettanti supplenti che sono chiamati a presentarsi ai presidi e quindi, effettuate tutte le procedure, in classe. Tutto risolto? Non proprio perché sale la polemica. A fianco di Bussetti sono scesi in campo i sindacati, che denunciano «l’incredibile commissariamento al posto dei ringraziamenti».

Stando alle nomine effettuate dai commissari nel capoluogo di Milano dovrebbe essere assicurata la copertura delle cattedre di italiano alle medie e di latino e greco alle superiori. Restano ancora una trentina di cattedre vacanti per le materie di italiano alle superiori e di inglese, filosofia e di informatica, perché le graduatorie dei supplenti risultano vuote e dovranno essere riaperte. A Bussetti viene contestato di non avere organizzato bene il lavoro e di non avere consentito ai funzionari di procedere alle nomine. Insomma, si sarebbe trattato di un «sabotaggio politico», contro cui la ministra ha voluto reagire. E mentre vengono date rassicurazioni cresce il malumore a via Soderini, dove secondo Massimiliano Sambruna, segretario della Cisl scuola a Milano la situazione ra già sotto controllo e la decisione del Ministro rappresenterebbe solo una decisione politica. «In Lombardia sono stati assegnati 26.042 posti di supplenza, pari al 70% del fabbisogno. – si legge nel documento dell’Usr – Le restanti 30% saranno assegnate entro la prossima settimana. A Milano è stato coperto il 50% con 6.077 assegnazioni. L’iter ha subito rallentamenti anche a causa delle numerose rinunce». La previsione era e resta «la chiusura delle nomine per mercoledì».

Federica Cavadini e Gianna Fregonara

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...