Nuovo DPCM: no a docenti in aule vuote, organizzare lavoro ATA. I possibili scenari

Fonte: Orizzonte scuola – 5 novembre 2020

“i datori di lavoro pubblici limitano la presenza del personale nei luoghi di lavoro per assicurare esclusivamente le attività che ritengono indifferibili e che richiedono necessariamente tale presenza, anche in ragione della gestione dell’emergenza; il personale non in presenza presta la propria attività lavorativa in modalità agile.”: così recita il DPCM del 3 novembre 2020, firmato dal Presidente Conte relativamente alla “zona rossa”. Nelle regioni con rischio elevato nelle secondarie di secondo grado il 100% delle attività si svolgerà tramite il ricorso alla didattica digitale integrata. Può essere prevista la presenza a scuola per l’uso dei laboratori o per garantire l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità o bisogni educativi speciali. A parte la possibilità di attività in presenza per l’utilizzo dei laboratori e per l’attuazione dell’inclusione degli alunni con disabilità, può ancora sussistere la presenza degli insegnanti in aule vuote, come determinata dalla nota ministeriale del 26 ottobre 2020, in cui abbiamo letto “Le istituzioni scolastiche continuano ad essere aperte, e in presenza, nell’istituzione scolastica, opera il personale docente e ATA, salvo i casi previsti al paragrafo 2. ” [QSA o isolamento fiduciario]”. La nota però aggiunge: “La dirigenza scolastica comunque, in caso di necessità, può adottare particolari e differenti disposizioni organizzative”. Ciò ha garantito ai Dirigenti Scolastici la possibilità di assicurare con buon senso la disponibilità delle aree scolastiche, limitando al massimo i rischi di contagio. Ma non sono mancate criticità.

Redazione

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...