Più fondi per recuperare il divario con attività didattiche integrative Lo prevede l’articolo 86 del disegno di legge di Bilancio all’esame del senato

Fonte: Italia Oggi – 29 dicembre 2020

Potenziato il fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa. Nel prossimo anno  saranno stanziati 177,8 milioni di euro, 106,9 milioni di euro sono previsti per l’anno 2023, 7,3 milioni di euro per ciascuno degli anni 2024 e 2025 e 3,4 milioni di euro per l’anno 2026. Lo stanziamento è previsto nell’articolo 86 del disegno di legge di Bilancio all’esame del Senato. Obiettivo del fondo è la riduzione delle diseguaglianze e la promozione della fruizione del diritto all’istruzione, anche per i soggetti privi di mezzi. Si punta quindi a colmare il cosiddetto divario digitale, che preclude agli alunni delle classi sociali meno abbienti di accedere alla didattica a distanza o, comunque, alla didattica digitale integrata, attraverso l’attuazione di attività didattiche integrative che consentano ai meno fortunati di accedere compiutamente al diritto all’istruzione. 25 milioni e 856 mila euro andranno per coprire il compenso accessorio già introitato dai dirigenti scolastici nel 2019/2020. Altri 30 milioni che saranno utilizzati per sostenere le spese per garantire le misure anti-Covid per gli esami di stato di quest’anno. In concreto nel 2021 lo stanziamento sarà di circa 122 milioni di euro. Per il 2022 non è previsto alcun incremento, mentre per il 2023 l’incremento di 106,9 milioni di euro dovrebbe essere interamente devoluto al fondo, come per gli anni successivi.

Abstract articolo di Carlo Forte

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...