Malattia, niente più certificato medico nei primi 3 giorni.

Fonte: tecnicadellascuola – 26 marzo 2021

L’Italia deve adeguarsi all’Unione europea anche sulla certificazione dello stato di malattia dei lavoratori: nei primi giorni di assenza, se si eccettua una parte del comparto privato, nel nostro paese i dipendenti sono costretti a produrre una certificazione medica. Mentre in molti paesi d’Europa questo non avviene. A proporlo, con una richiesta ufficiale rivolta al governo, sono il Sindacato medici italiani (Smi) e la Confederazione dei Sindacati autonomi dei lavoratori (Confsal). “Il governo adotti provvedimenti urgenti a partire dalla possibilità per i cittadini italiani di produrre, come in altri Paesi europei, l’autocertificazione per i primi tre giorni di malattia, nell’ottica della semplificazione burocratica“, scrivono il segretario generale dello Smi Pina Onotri e il segretario generale di Confasal Angelo Raffaele Margiotta. “Se il lavoratore ritiene che il suo malessere invalidante sia di natura passeggera – incalzano i sindacalisti – può, sotto sua responsabilità, autocertificarla. Questo provvedimento rappresenterebbe uno sgravio del lavoro per i medici di medicina generale“.

Come sottolineano i due rappresentanti dei lavoratori, comunque “si lascerebbe in ogni caso all’Amministrazione di poter sempre disporre a campione la visita fiscale”, garantendo in questo modo la possibilità di verifica da parte del proprio datore di lavoro. Per i dipendenti della scuola, tra l’altro, si tratterebbe tra l’altro di una pratica tutt’altro che frequente: un docente o Ata, infatti, in media si assente 8-9 giorni l’anno, compresi i giorni di “malattia” legati alle visite specialistiche. Numeri ufficiali alla mano, nella scuola mediamente le assenze da giustificare con certificati medici sarebbero non più di una ogni mese e mezzo. Un numero inferiore, seppure di poco, rispetto alla media del pubblico impiego, che si attesta sui 9-10 giorni annui di assenza dovuta a motivi di salute. (…) Con l’occasione, Onotri e Margiotta hanno chiesto pure che “in ogni scuola di ordine e grado s’istituisca un presidio sanitario, composto da medico scolastico, da un infermiere e uno psicologo per mettere in pratica un’efficace politica di prevenzione sanitaria e di tracciamento del contagio da coronavirus”. “Sosteniamo il ripristino della medicina scolastica utilizzando l’apporto dei medici convenzionati per contrastare la pandemia con diagnosi precoci e tracciamento del contagio. I servizi di medicina scolastica possono rappresentare dei presidi sanitari efficaci perché direttamente presenti negli edifici scolastici e a stretto contatto con studenti, genitori e insegnanti”, concludono i sindacalisti. Quello di reimmettere il medico scolastico è una delle proposte che ogni anno vengono avanzate, ma che poi decadono, quasi sempre per mancanza di finanziamenti. Se ne era parlato con insistenza anche lo scorso anno, con l’avvento e la gestione della pandemia, poiché la presenza a scuola di un medico sarebbe stata utilissima (come del resto lo sarebbe oggi) per la gestione dei casi Covid-19: in questo modo, dirigenti scolastici ed insegnanti avrebbero a disposizione un professionista in grado di interagire – per gestire anche i problemi di salute non necessariamente legati ai contagi – direttamente con le istituzioni sanitarie.

Abstract articolo di Alessandro Giuliani

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...