A SCUOLA SI TORNA AL REGISTRO DI CARTA

Doveva essere una riapertura che segnasse il rilancio di una scuola all’avanguardia e in grado di affrontare il momento difficile, invece si è tornati… al registro di carta. A determinare il passo indietro, va precisato, è stato un attacco hacker, che ha mandato in tilt la piattaforma che gestisce il programma utilizzato in pratica dalla metà degli insegnanti italiani. Una problematica che proprio in questi giorni ha interessato anche un colosso di internet come Facebook e che quindi non è riconducibile a responsabilità dirette dei vertici del ministero o del sistema scolastico. Meno accettabile è il fatto che il problema si sia protratto per numerosi giorni, tanto che ancora oggi non si è tornati alla normalità. Il risultato è che invece di un messaggio rassicurante, che mai come in questo momento è necessario che il sistema scuola riesca a dare non solo agli studenti e alle famiglie ma all’intero paese, il ritorno sui banchi ha visto una scuola caratterizzata dal solito stato di incertezza perenne. Caos registri elettronici a parte, a tenere banco sono state le notizie delle proteste per la dad ma anche per le classi pollaio, la mancanza di insegnanti e le carenze del sistema dei trasporti, peraltro risultato ancora più allarmante dopo che i controlli dei Nas hanno certificato il pericolo di veicolazione del covid nelle biglietterie e negli autobus e treni. Questioni sulle quali qualcosina in più doveva essere stata fatta. Speriamo solo che almeno il problema dei registri elettronici venga risolto definitivamente alla svelta. Purtroppo non sembra che sia così. L’ultimo aggiornamento ci dice che entrerà in gioco anche il Garante della privacy, perché la questione potrebbe finire per riguardare la possibile diffusione dei dati personali degli studenti. Considerata la farraginosità della macchina burocratica italiana, scordiamoci che il tutto si concluderà senza ulteriori lunghi strascichi.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...