SULLA SCUOLA GOVERNO DA RECORD: TUTTI SCONTENTI

Sulla scuola il governo è riuscito a battere ogni record: sono tutti scontenti. Nella ridda di smentire, dietrofront, balletto delle percentuali è questo l’unico dato che possiamo dare per certo. Con le decisioni decretate nei giorni scorsi innanzitutto è tornato a infiammarsi il rapporto con le regioni. I dirigenti scolastici sono di nuovo in croce, alle prese con la missione impossibile di garantire i parametri di sicurezza. I familiari e gli studenti sono sul piede di guerra in tutto il paese. I precari hanno capito che una soluzione alla loro situazione, stante i contrasti dentro la maggioranza, è ormai da archiviare. I sindacati continuano inascoltati a lanciare l’allarme per la carenza di insegnanti a partire dal prossimo settembre. Quelle del governo sono decisioni si fa per dire, la puntualizzazione è doverosa, perché ogni giorno ce ne è una nuova e si può stare ormai certi che un provvedimento nato in un modo, si ritrovi a essere stravolto nel giro di qualche nottata. Mai dall’inizio della pandemia era comunque successo che quanto concordato con le regioni venisse poi totalmente disatteso in modo così clamoroso. Questa è l’accusa principale rivolta dai governatori all’esecutivo e, stando al balletto relativo alle percentuale degli studenti in classe, è difficile poter affermare che la realtà dei dati non dia loro ragione. Certo a seguire le vicende relative alla scuola non ci si annoia. Resta l’amaro in bocca a pensare che manca soltanto un mese alla fine dell’anno scolastico. Diciamolo: trattandosi di gestire soltanto qualche settimana, un bel po’ di beghette potevano essere evitate.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...