Il Patto per la Scuola sgretolato dal DL Sostegni Bis, i sindacati s’aggrappano a Bianchi e alla Camera

Fonte: Latecnicadellascuola – 17 giugno 2021

Abstract articolo di Alessandro Giuliani

Che fine ha fatto il Patto per la Scuola? A domandarselo sono soprattutto i sindacati, che avevano creduto molto nella sottoscrizione di quell’accordo, lo scorso 20 maggio.

Nel volgere di pochi giorni, anzi di qualche ora, il Patto ha cominciato però a sgretolarsi. Le notizie che arrivavano dal Consiglio dei ministri, infatti, mostrano scenari diversi, in certi casi opposti, a quelli stabiliti con il ministro Patrizio Bianchi a Palazzo Chigi.

Dell’impegno di attivare una ”procedura urgente e transitoria di reclutamento a tempo indeterminato”, oltre che di “assicurare la continuità didattica tramite una programmazione pluriennale degli organici” e di “aprire un confronto sulla mobilità del personale scolastico e della dirigenza”, tanto per citare alcuni dei punti su cui si basava l’accordo, è rimasto ben poco.

Le proteste continue

I sindacati non l’hanno presa bene: la Gilda degli insegnanti fin da subito non si è fidata, sottraendosi alla firma del Patto. Gli altri cinque sindacati rappresentativi – Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Anief – sono scesi in piazza, davanti Montecitorio, lo scorso 9 giugno.

E hanno aderito alla manifestazione delle associazioni dei precari del 15 giugno. I primi tre, per il prossimo 26 giugno hanno anche programmata un’altra iniziativa nazionale con le Confederazioni Cgil, Cisl e Uil.

Finora, però, la mobilitazione non ha prodotto alcun risultato. Anche dalla V commissione della Camera giungono notizie di diversi emendamenti al decreto Sostegni Bis, tra circa 4 mila complessivi, ritenuti inammissibili. Tra le richieste di modifica cassate sul nascere ne risulterebbero molte anche sul versante scuola. Le prospettive di cambiamento del decreto non sembrano quindi proprio positive.

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...