Università: Camera, ok alle norme sui ricercatori, ora la parola al Senato

Fonte: Il Sole 24 Ore – 17 giugno 2021

Abstract articolo di redazione

Via libera dell’Aula della Camera alle disposizioni relative all’attività di ricerca e di reclutamento dei ricercatori nelle Università e negli enti pubblici di ricerca.

Il testo approvato a Montecitorio regola l’attribuzione da parte di università ed enti pubblici di ricerca di borse di ricerca Post Lauream. Interviene inoltre sulla disciplina riguardante il dottorato di ricerca; modifica alcuni aspetti della disciplina relativa agli assegni di ricerca; modifica la disciplina relativa ai contratti di ricercatore a tempo determinato, riconducendo a unità le due tipologie di contratto previste a legislazione vigente e innovando il meccanismo del cosiddetto “tenure track”.

Introduce poi un meccanismo analogo al cosiddetto tenure track per ricercatori e tecnologi a tempo determinato negli enti pubblici di ricerca e un meccanismo di mobilità, riguardante ricercatori titolari di contratti a tempo determinato fra università ed enti pubblici di ricerca.

Università ed enti pubblici di ricerca potranno conferire le borse di ricerca Post Lauream a soggetti in possesso di laurea magistrale in discipline coerenti con l’attività di ricerca per cui è bandita la borsa.

Non è possibile concorrere alle borse di ricerca per i soggetti già in possesso del titolo di dottore di ricerca, i ricercatori a tempo determinato e il personale di ruolo delle università e degli enti pubblici di ricerca.

Le borse sono collegate a uno specifico progetto di ricerca e possono avere una durata compresa fra 6 e 12 mesi, prorogabili fino a 36 mesi laddove richiesto dalla tipologia del progetto di ricerca. Non danno luogo ad alcun rapporto di lavoro subordinato alle dipendenze dell’università o dell’ente pubblico di ricerca, né danno alcun diritto in ordine all’accesso ai ruoli presso gli stessi.

Le borse sono esenti dall’imposta locale sui redditi (Ilor) e da quella sul reddito delle persone fisiche (Irpef). Il divieto di conferire assegni di ricerca viene esteso anche al personale in servizio con contratto a tempo determinato presso le istituzioni che emanano i bandi.

Quanto ai contratti di ricercatore universitario a tempo determinato, vengono ricondotte a unità le due tipologie di contratto di tipo A e di tipo B attualmente previste e innovato il meccanismo della cosiddetta tenure track, cui fa riferimento anche il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...