E ORA SPUNTA ANCHE LA RIFORMA DELLA SCUOLA MEDIA

Ci vuole la bussola per orientarsi tra concorsi vari, apertura delle graduatorie, domande per la mobilità. E preparatevi all’ennesima riforma della scuola.

Dopo la modifica dell’esame di maturità, sarà la scuola media a non essere più come la conosciamo.

ANCORA UNA RIFORMA

Per il ministro Bianchi così come è strutturata la media è la stessa di sessanta anni fa. Urge quindi una bella riforma. Ragionamento che non fa una grinza.

Ma possibile che non passi un giorno senza che non venga annunciata questa o quella riforma? Il tutto mentre già è difficile raccapezzarsi tra la marea di scadenze per iscrizione, presentazione di domande, prove da sostenere.

Come abbiamo più volte ripetuto, nel mondo della scuola non ci si annoia di certo. Il problema è che sarebbe più corretto dire che per i poveri aspiranti insegnanti non c’è pace.

L’IMPERATIVO E’ AGGIORNARSI

Guardando alla situazione, volendo cogliere un aspetto positivo l’imperativo deve essere aggiornarsi, sapere essere al passo con i tempi, stare attenti a completare il proprio curriculum con i nuovi requisiti richiesti.

Tra le date da tenere d’occhio ci sono quelle per le selezioni per l’iscrizione alle facoltà di laurea con accesso programmato. In questo caso per ovviare all’incombenza l’alternativa è scegliere un’università telematica, a partire da eCampus, che resta la prima per offerta formativa.

Tra le scadenze ricordiamo l’iscrizione al Concorso Stem entro metà del mese e la presentazione dei titoli per le graduatorie interne di istituto entro il 25 marzo.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...