FINE ANNO BAGNATO MA POCO FORTUNATO

Chiude l’anno scolastico ma le mascherine non vanno in vacanza. Il regalo che la scuola si è visto piombare sui banchi a pochi giorni dalla fine delle lezioni è la bocciatura da parte del Tar del ricorso presentato contro il prolungamento dell’impiego della mascherina.

Non fosse per rendere ancora più amara la pillola, l’altra novità è che già si pensa a confermare la decisione anche per settembre. Sembra proprio – facciamo tutti gli scongiuri del caso – che le varianti Covid stiano rialzando la testa e già c’è chi si sta preparando al peggio.

FESTEGGIAMENTI SOTTO TONO

Mascherine a parte, pochi sono stati i motivi per festeggiare: dimezzate e mezzo disertate sono state le tradizionali cene di classe e pochi perfino i gavettoni (e per di più, a far passare la voglia, in questo caso ci si sta mettendo la pioggia, che stà imperversando in tutta la penisola).

E possiamo dire che piova sul bagnato. Il novanta per cento degli aspiranti docenti è risultata bocciata ai concorsi. I più penalizzati sono stati i precari, che hanno visto sfumare la possibilità di un inserimento definitivo. I docenti vedono con preoccupazione la riforma del percorso formativo e di aggiornamento, mentre i presidi hanno denunciato problemi un giorno si e l’altro pure.

Non parliamo dell’aggiornamento delle GPS. Sono stati decine di migliaia i candidati che hanno conseguito con gli enti di formazione, eCampus in testa, certificazioni o titoli attraverso corsi di perfezionamento o master per aumentare il punteggio. Ma, a causa della ristrettezza dei tempi utili per presentare le domande, in molti non hanno fatto in tempo a conseguire i titoli.

ATTREZZARSI PER IL PROSSIMO ANNO

Visto che il clima continua a non essere dei migliori, l’insegnamento da trarre è uno. E’ il caso di pensare seriamente ad attrezzarsi, attraverso master e corsi di perfezionamento, per aumentare titoli e competenze ed essere pronti a scalare il percorso per entrare nel mondo dell’insegnamento. Una professione che regala le soddisfazioni maggiori, ripagando ogni sforzo e le difficoltà superate.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...