PERCHE’ PRESENTARE LA MAD PER LE SUPPLENZE CONVIENE

Puntare alle supplenze attraverso la Messa a disposizione (MAD) garantirà una prospettiva concreta anche per il prossimo anno scolastico. Il consiglio è quindi di prepararsi a presentare la domanda, approfittando dei mesi estivi per conseguire i 24 CFU e altre certificazioni per potenziare il proprio curriculum e aumentare le possibilità di essere chiamati dagli istituti.

Ad accrescere più delle aspettative il numero delle supplenze necessario, è il fatto che soltanto pochi aspiranti docenti hanno superato il concorso. Rispetto alle cattedre vacanti il numero dei nuovi docenti è così nettamente inferiore. Questo vale anche per il sostegno.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA MAD

L’aspetto di cui tener conto è che molti istituti hanno introdotto una modalità diversa di presentazione delle Mad. In pratica non sarà più possibile inviare la domanda per mail, essendo invece necessario compilare i form predisposti dalle singole scuole.

La compilazione manuale dei web form non è però un procedimento semplicissimo e può essere diverso da istituto a istituto. Anche per questo si tratta quindi di attivarsi in tempo.

UN’ALTERNATIVA VALIDA AL CONCORSO

La messa a disposizione quindi resta un’alternativa valida rispetto all’iscrizione alle GPS e per chi non si è iscritto o non ha superato il concorso. Oltre alla prospettiva lavorativa, va considerato che lo svolgimento delle supplenze tramite Mad riconosce un incremento del punteggio.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...