SCUOLA: E’EMERGENZA SUPPLENTI

AAA deroga all’invio delle MAD cercasi.

Il termine per la presentazione delle domande di messa a disposizione per le supplenze è scaduto a dicembre ma, se non verrà concessa una proroga, sarà difficile coprire le cattedre scoperte.

Le segreterie infatti hanno in gran parte esaurito i nominativi presenti nelle graduatorie e in molti casi lo stesso vale per gli aspiranti docenti che hanno inviato la MAD.

Per trovare i supplenti l’unica soluzione in molti casi resta la possibilità di poter continuare con l’invio delle domande di messa a disposizione.

La speranza è quindi che il Ministero decida per la deroga alla scadenza, provvedimento però che al momento non sembra essere all’ordine del giorno.

PROCEDURA PER L’ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI

La procedura prevede che le segreterie provvedano a individuare gli insegnanti in primo luogo dalla graduatoria di istituto della scuola.

Quindi la possibilità successiva è il ricorso alle graduatorie di altri istituti della provincia, in base al criterio di viciniorietà.

Il ricorso alle MAD può avvenire a seguito all’esaurimento delle graduatorie di istituto nel caso di supplenze temporanee (per malattia, permessi o maternità) e, per le supplenze al 30/06 e al 31/08, solo in caso di esaurimento delle GaE e delle GPS.

CHI PUO’ INVIARE LE MAD

La domanda di messa a disposizione per le supplenze può essere inviata dagli aspiranti che non sono

inclusi in nessuna graduatoria provinciale.

Gli aspiranti supplenti devono indicare:

  • il titolo di studio posseduto e i crediti conseguiti per accedere alla classe di concorso (nel caso dei docenti della secondaria);
  • la certificazione dell’eventuale titolo di abilitazione o specializzazione posseduti;
  • la dichiarazione di non essere inseriti in nessuna graduatoria della stessa o di altra provincia.

L’ordinanza ministeriale non indica quali soluzioni dovrebbero attuare i Dirigenti Scolastici qualora dovessero ritrovarsi nelle medesime condizioni degli ultimi due anni scolastici, che in effetti hanno visto un elevato ricorso alle MAD.

Un fatto è certo: se non verrà presa una decisione in merito alla possibilità di poter contare sulla messa a disposizione, trovare i supplenti sarà per molte scuole impossibile.

Alberto Barelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...