TROPPO STRESS E CRISI D’ANSIA: A MILANO OCCUPATO IL LICEO MANZONI

Occupato da alcuni giorni il liceo linguistico Manzoni. Niente di nuovo, verrebbe da dire. La novità invece c’è eccome ed è rappresentata dalla motivazione. A far incrociare le braccia agli studenti non è la richiesta di maggiore rappresentanza, come avveniva una volta, né la protesta per il riscaldamento rotto o il caro libri, per citare alcuni temi più attuali. La lotta dura senza paura è stata dichiarata contro il troppo stress e le crisi d’ansia.

IL VIA ALLA PROTESTA DAI RISULTATI DEL SONDAGGIO

A far scattare la protesta è stato il risultato di un sondaggio condotto tra i ragazzi dell’istituto. Il risultato è stato infatti che ben sette studenti su dieci risultano soffrire di crisi d’ansia. Una situazione che non può essere sottovalutata e rispetto alla quale è stato deciso di “dare un segnale forte”.

Al termine dell’assemblea plenaria indetta per parlare della questione la votazione ha registrato la piena adesione alla scelta dell’occupazione.

Nelle intenzioni degli studenti l’occupazione dovrà essere un momento per trattare i temi specifici attinenti con le problematiche emerse. Sono previste quindi conferenze su argomenti come la “filosofia del conflitto” e momenti di confronto sul sistema scolastico. Il nodo centrale, come viene spiegato, è che “il modello scolastico così non regge più” e il dito viene puntato contro un sistema troppo competitivo.

LA RICHIESTA DI MAGGIORE ATTENZIONE DA PARTE DEGLI INSEGNANTI

Gli studenti rivolgono la protesta contro gli insegnanti, colpevoli di sottovalutare il malessere che viene vissuto in classe. Del resto gli studenti ricordano che i recenti fatti di cronaca testimoniano la gravità del disagio vissuto in classe e di come si tratti un problema per il quale si fa troppo poco.

A determinare disagi è per esempio il continuo turnover dei professori. Molti studenti dell’istituto hanno dichiarato che in pratica per alcune materie il docente è cambiato tutti gli anni. Per la precisione ben il 60,3% dei ragazzi ha denunciato di aver cambiato troppo frequentemente i docenti.

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...