Gps 2024, quando aprono? Possibile data 18 maggio: ecco le novità

Il panorama dei percorsi abilitanti per l’insegnamento si prepara ad accogliere importanti novità, delineate dal recente decreto ministeriale dell’Università e della Ricerca. Con l’avvio dei bandi per percorsi di 60, 30 e 36 CFU, che offrono complessivamente 51.753 posti, l’attenzione si sposta ora verso l’OM (Ordinanza Ministeriale) atteso per l’aggiornamento, il trasferimento e il nuovo inserimento delle Graduatorie Provinciali Supplenze (GPS) per il biennio 2024-2026.

Tra le modifiche anticipate, c’è un punto dibattuto: nonostante il parere negativo del CSPI (Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione), si prospetta la possibilità per gli abilitati e specializzati sul sostegno con titolo estero, pur non ancora riconosciuto, di stipulare contratti con clausola di rescissione.

Scioglimento delle riserve: apertura a nuove prospettive

Un aspetto cruciale riguarda lo scioglimento della riserva per gli aspiranti inseriti nella prima fascia, in attesa del conseguimento del titolo. Questo riguarda coloro che stanno conseguendo il titolo di specializzazione sul sostegno e coloro che sono impegnati nei percorsi abilitanti. Per essi è prevista la possibilità di sciogliere la riserva entro il 30 giugno 2024. Tuttavia, si sta discutendo la prospettiva di estendere tale termine al 20 luglio, per consentire una maggiore flessibilità. L’evoluzione di questa situazione sarà chiarita con la pubblicazione dell’OM sull’aggiornamento delle GPS.

Riserva per il Servizio Civile Universale: una considerazione importante

Il Servizio Civile Universale, avviato nel 2017, riveste un ruolo significativo. È necessario distinguere questo servizio da altre forme di servizio civile, come quello alternativo al servizio di leva obbligatoria. Il Decreto Legge n.44 del 2023 riserva il 15% dei posti nei concorsi pubblici a coloro che hanno svolto il Servizio Civile Universale. Anche per le graduatorie provinciali per le supplenze sarà considerata la riserva del 15% dei posti per coloro che hanno conseguito tale titolo dopo il 6 marzo 2017.

Aggiornamenti necessari: riserve e preferenze

Un’ultima precisazione riguarda la necessità per tutti gli interessati di rinnovare le dichiarazioni riguardanti riserve e preferenze all’interno delle GPS. Anche coloro che non hanno nuovi titoli culturali o di servizio devono compilare nuovamente le sezioni pertinenti, inclusa quella delle “Altre dichiarazioni”.

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...